2 commenti
  1. Grazie per la recensione. Come ti avevo scritto su FB, penso che non lo comprero' perchè boh, apparte la Nakamura e la Yuki sono state utilizzate autrici poco famose e di poco spessore. Visto che PARASYTE è un'opera molto molto conosciuta, potevano sforzarsi di trovare mangaka shoujo (o josei o bl o seinen) un pochino piu' famose ed apprezzate , perchè senno' sembra davvero un omaggio "poraccio".
    Anche perchè nella controparte maschile se non erro i mangaka sono quasi tutti famosi (non vorrei dire cavolate).

    In ogni caso spendere quei soldi per una raccolta di cui potenzialmente mi interesseranno 3 storie al massimo, ne faccio a meno, li destino per fumetti che so che mi piaceranno al 100%.

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    Credo che ARIA abbia voluto coinvolgere qualche nome più conosciuto per richiamare pubblico, e poi puntare su nuove mangaka della sua "scuderia", in modo da farle conoscere. Poi magari non è così, e queste autrici in casa sono tutte lanciatissime; però nessuno dei nomi nuovi mi ha colpito particolarmente, eccezione fatta per Hikaru Sugura a cui avevano già commissionato uno spin off de "L'Attacco dei Giganti", "No Regrets"; in quel caso non mi aveva convinto per niente, e l'impressione è stata di un'occasione sprecata; qui, invece, sembra avere delle potenzialità. Come si dice: se sono rose fioriranno.

    RispondiElimina